Loading…
Interni / 0 Comments / 263 View

Un appartamento straordinario nel Bosco Verticale a Milano

Lug 14 / 2016 6:16PM

Vivere in una foresta e allo stesso tempo stare nel centro di una città? Si è possibile! Diamo uno sguardo nei uno dei moderni e confortevoli appartamenti di Bosco Verticale al 22esimo piano...un insolito verde ci attende in un grattacelo situato proprio nel cuore di Milano.

Negli ultimi anni Milano ha completamente modificato il suo skyline, nuovi edifici sono nati “all’ombra della Madonnina” e nuove interessanti realizzazioni hanno portato la capitale lombarda verso un concetto di città più internazionale che, inevitabilmente, si spinge verso l’alto. Fra gli edifici frutto di questa rinascita sicuramente troviamo il molto chiacchierato, e pluripremiato, Bosco Verticale. Eletto nel 2015 dal Council on Tall Building and Urban Habitat (CTBUH), organismo internazionale promosso da Illinois Institute of Technology di Chicago, il grattacielo più bello e innovativo al mondo, Bosco Verticale è un esempio unico di perfetta integrazione fra natura e architettura. Considerato uno dei nuovi land mark milanesi, sicuramente uno dei più riconoscibili, si caratterizza per la sua eccezionale facciata viva, che muta al variare delle stagioni e rappresenta una nuova frontiera del costruire in altezza: più sostenibile e concepita nel rispetto dell’ambiente  e della natura.

image

Bosco Verticale il “progetto pionieristico” che mette insieme natura e artificio

Ideato nel 2007 dallo Studio Boeri (formato da: Stefano Boeri, Gianandrea Barreca e Giovanni La Varra) e completato nel 2014, Bosco Verticale è un progetto interamente residenziale che si trova a confine del quartiere Isola, nel cuore della rinata zona Garibaldi. Composto da due edifici, realizzati uno di fianco all’altro, è senza alcun dubbio uno degli esempi contemporanei più interessanti di coesistenza fra elementi naturali ed elementi costruiti. Una soluzione progettuale di altissimo livello in cui la vegetazione che compone la facciata non è un semplice elemento decorativo, ma è essa stessa struttura e parte integrante dell’edificio (purifica l’aria, permette un microclima più salubre e elimina, in parte, le polveri sottili…). Per comprendere la portata di questa realizzazione, unica, ma indiscutibilmente complessa e frutto di lunghi studi sia statici sia legati a piantumazioni ed esposizioni degli elementi vegetali, parliamo un po’ di numeri: sulle due torri sono state inserite oltre 17.000 elementi vegetali che comprendono 780 alberi a grandezza naturale di 60 specie diverse, accompagnati da una grande massa di arbusti e di piante di piccole dimensioni. Un sistema tutt’altro che semplice, non soltanto da realizzare, ma anche da gestire e da mantenere, ma capace di regalare l’innovativo effetto visivo di un giardino sospeso, visibile non soltanto dalla nuova, e antistante, piazza Gae Aulenti, ma da diversi punti della città.

01.bosco_verticale_01_lr

Un appartamento costruito nell’eleganza e nella luce

All’interno delle due torri si trovano residenze private di altissimo pregio, tutte ideate nel massimo del comfort e concepite per godere appieno della bellezza di un sistema verde eccezionale e innovativo che non si trova soltanto all’esterno, ma che grazie all’uso di materiali studiati ad hoc riesce a essere parte integrante dei lussuosi appartamenti. Fra questi, al 22° piano di una delle due torri, troviamo uno dei progetti dello Studio Matteo Nunziati. La casa (oltre 200mq) è uno spazio contemporaneo, caldo e accogliente, concepito nei toni caldi del legno, dei tessuti ecrù e dei bianchi, una composizione di ambienti in cui sia nella zona notte, sia nella zona giorno la delicatezza del grigio chiaro si mescola alla trasparenza del vetro, regalando una perfetta integrazione con l’esterno e un rapporto costante con il verde e con lo straordinario paesaggio circostante . A rendere la bellezza di questa dimora, oltre al pregio della struttura e delle finiture interne adottate, gli interessanti arredi di Molteni&C. e altri mobili scelti fra le più importanti aziende del made in Italy.

In evidenza: una vista dell’esterno dell’appartamento su una delle due torri di Bosco Verticale.

best-interior-designer_Bosco-Verticale-3a
Una parte della grande zona living. Colori chiari per gli imbottiti che si inseriscono perfettamente nella struttura, tutta realizzata con superfici neutre. In uno degli angoli del soggiorno è stata inserita una vetrina Grado°, design Ron Gilad, un arredo scelto dall’architetto Nunziati per proseguire il gioco di trasparenze regalato dalla vicina finestra.

 

 

best-interior-designer_Bosco-Verticale-4

Tanto candido bianco per completare l’angolo conversazione della zona living. A parete il sistema Fortepiano disegnato da Rodolfo Dordoni per Molteni&C. fa da contro altare al comodo divano caratterizzato da una seduta ampia e confortevole, a fianco troviamo due poltroncine Guscio di Flexform, disegnate da Antonio Citterio, scelte anch’esse in un tessuto bianco ghiaccio.

 

Best-Interior-Design-Bosco-Verticale-Milan-2 A parete, la libreria Graduate di Jean Nouvel di Molteni&C. è un gioco misurato di pieni e vuoti che sposa perfettamente il minimalismo composto dello spazio.

 

 

 

 

 

bosco_verticale_who_tivali_hiline6_01_lr

Aperta sul soggiorno la cucina con isola centrale è stata realizzata completamente a vista. A corredo della zona pranzo l’ampio tavolo con il materico piano in legno è corredato da sei sedie Who. Un modello di Molteni&C.  disegnate da Rodolfo Dordoni, caratterizzate dalla sapiente lavorazione del legno.

best-interior-designer_Bosco-Verticale-8

Per la cucina è stata scelta una una soluzione custom di Tivalì di Dada. Disegnata da Dante Bonuccelli presenta una pratica isola funzionale con cappa Hi-Line6. Una scelta fatta non soltanto per le caratteristiche estetiche, che consentono alla cucina di trasformarsi in un monolite bianco chiudendo le pratiche ante alloggiate nella struttura, ma dettata anche dalla praticità di questo modello che permette di disporre di uno spazio altamente funzionale e utilizzabile in ogni angolo.

bosco_verticale_nightday_02_lr

 

Gli armadi della serie Gliss Master sempre di Molteni&C., design Vincent Van Duysen, corredano una zona nottte calda e minimale dove oltre all’écru è il grigio a farla da padrone.

 

 

 

 

best-interior-designer_Bosco-Verticale-10

Per il letto la preferenza è caduta su Night&Day di Patricia Urquiola, un perfetto compromesso fra comodità ed essenzialità. Ad accompagnare il letto due tavolini Domino, design Nicola Gallizia. Tutto Molteni&C.

 

best-interior-designer_Bosco-Verticale-12

Le morbide tonalité neutre del caramello vestono i rivestimenti dei bagni, all’interno per gli arredi e per i sanitari sono stati scelti elementi di Boffi e Antonio Lupi.

best-interior-designer_Bosco-Verticale-14Gli spazi esterni (in media almeno 3 per ogni appartamento) sono delle terrazze ampie e riservate impreziosite dalla vegetazione che a seconda delle stagioni regala paesaggi meravigliosi e sempre mutevoli. La grande ampiezza degli spazi permette di arredarli e di fruire di questi in diverse maniere: attrezzando delle zone relax, ma anche predisponendo degli angoli pranzo da esterno.

 

Lascia commento

*

Trenderly Newsletter

Portale di Moda, Cucina, Design e Stile di Vita