Loading…
Interni / 0 Comments / 325 View

Design Week 2016 il fuori Salone che racconta la creatività

Apr 19 / 2016 11:20PM

Location, spazi, teatri, showroom e chiostri durante questi 7 giorni ogni cosa - a Milano - si apre al design regalando suggestioni e ambientazioni inedite

Perché se alla Fiera di Rho (cuore economico del Salone del Mobile) i protagonisti sono il business e il prodotto, nelle tantissime location cittadine che durante la Design Week si “mettono in mostra” a farla da padrone è la progettualità e a 360 gradi. Durante la lunga settimana del design – come in nessun altro periodo dell’anno – Milano diventa così un palcoscenico creativo a cielo aperto, da vivere angolo per angolo e strada per strada. Tutto parla il linguaggio del design e la città vive un fermento costante fatto di giovani designer, di professionisti affermati, di addetti ai lavori e di tanti, tantissimi curiosi/appassionati che per 7 giorni sembra non resistano proprio al richiamo “del Salone”.

Zona per zona
Da Ventura-Lambrate – ex zona industriale da qualche anno riconvertita a distretto creativo/culturale – alla immancabile, e sempre apprezzata, Zona Tortona (con il Superstudio al centro) passando per l’elegante Brera, per il centro con i suoi showroom, per le due zone di Porta Venezia e Porta Romana e da qualche anno, facendo un salto fra le 5vie, è tutto un brulicare di allestimenti e nuovi progetti che coinvolgono grandi nomi del design internazionale, ma anche giovani creativi provenienti da tutto il mondo che hanno scelto proprio Milano come vetrina per presentare i loro lavori. Alle diverse zone si affiancano poi i luoghi “istituzionali”: la Triennale (che quest’anno presenta la XXI Esposizione Internazionale) e la Statale, due pilastri fondanti del Fuori Salone che dal lunedì aprono la kermesse settimanale.
Fra esposizioni ed eventi…
Fra le cose viste le più interessanti – ovviamente per noi – il nuovo allestimento di Cassina curato da Patricia Urquiola (neo Direttore Creativo del marchio) nello showroom di via Durini, lo spazio di Antonio Marras e la suggestione che regala – tutte le volte -,  Moooi nella sua consueta e straordinaria installazione di via Savona, la Vitra House nella neonata location di via Maroncelli, le variopinte divagazioni di via Palermo (zona Brera) fra Hay alla Pelota, Society e Marimekko, le casette di Missoni in via Solferino e la ricchezza di Baccarat con l’installazione Lumieres Out of the Box alla Sala Napoleonica dell’Accademia di Brera. Fuori dalla zona di Brera: Paola Lenti ai Chiostri dell’Umanitaria, la foresta di luci pensata da COS, al cinema Arti, in collaborazione con Suo Fujimoto, “le cucine” di Tom Dixon alla Rotonda della Besana ed “Hermes in equilibrio” al Teatro Vetra.
Una settimana dal tempo dilatato con tantissimo da vedere e mille cose da annotare, 7 giorni dedicati al mondo dell’arredo e a tutto quello che gli gira intorno…
Adesso è tempo di riordinare le idee l’appuntamento è al prossimo anno!
  1. Antonio Marras installazione
  2. Antonio Marras
  3. Baccarat, Accademia di Brera, Sala Napoleonica
  4. Cos Cnema Arti
  5. Reality or Illusion? Giant is a state of mind, l’installazione du Foscarini allo Spazio Brera
  6. La nuova poltrona Gender di Cassina nello show-room di via Durini
  7. Hermes in equilibrio al Teatro Vetra
  8. Missoni home in via Solferino
  9. Moooi in via Savona
  10. Paola Lenti ai Chiostri Umanitaria
  11. L’immancabile cortile dello Spazio Rossana Orlandi
  12. Lo spazio di Marta occupato da Airbnb
  13. Sergio Rodrigues in via Maroncelli
  14. Society in via Palermo
  15. Ppificio 31 in via Tortona
  16. La Vita House in via Maroncelli
  17. I meravigliosi piatti del Laboratorio Paravicini

Lascia commento

*

Trenderly Newsletter

Portale di Moda, Cucina, Design e Stile di Vita