Loading…
Culinaria / 0 Comments / 316 View

Un viaggio culinario in Puglia

Ago 04 / 2015 1:58AM

Le specialità di questa regione non sono solo cozze e le orecchiette ma c'è ben altro da assaporare! Scopri quali sono le altre rarità che potrai gustare nella parte finale dello stivale italiano.

La Puglia è conosciuta per le bellissime e sabbiose spiagge e  per l’acqua limpida come quella di un cristallo. Ma anche per i trulli (i storici  monumenti di Alberobello), le orecchiette realizzate come un tempo artigianalmente,  la frisella e i taralli (in tanti gusti). La Puglia è ancora qualcosa di più: si distingue dal resto dell’Italia sotto ogni aspetto culturale: dall’ architettura al paesaggio fino ad arrivare alle prelibatezze culinarie.

Ogni zona della Puglia qualunque essa sia, permetterà di conoscere varie specialità locali. Si trovano primi piatti a base di carne e di pesce. L’unica caratteristica che unisce tutte le zone pugliesi dal punto di vista gastronomico è la passione per la semplicità e la natura. Le pietanze infatti sono caratterizzate da ingredienti del luogo freschi e opportunamente selezionati.

Torre dell’Orso (il nome della città ha origine nel XVI secolo, torre guardiana), è famosa per i fiumiciattoli, i laghetti e le rocce bianche oltre che per il mare; essendo nel Salento vale la pena provare le  specialità tipiche locali a base di frutti di mare.

Era prima mattina, una brezza marina raggiungeva il mio naso e la voglia di tuffarmi in quell’acqua cristallina, che vedevo dall’Orsetta era troppo forte. Allora mi sono precipitato e spogliato dei pochi panni che avevo e mi sono tuffato. Che bello sentire quella freschezza, che allontanava tutti quei giorni di calore che avevo sofferto nell’ufficio in città. Mi sono rilassato e non avevo voglia di uscire da quell’acqua e da quello stato di benessere ma, un crampo allo stomaco mi avvertiva che era l’ora di mangiare. Già sentivo i profumi di questa terra meravigliosa… Mi sono fermato da Luciano direttamente sulla spiaggia L’Orsetta.

Właściciel restauracji na plaży Orsetta

Il propietario del ristorante sulla spiaggia Orsetta

Il proprietario mi ha preparato alcune delle sue prelibatezze: polpo alla pignata come antipasto e linguine con scampi. Il tutto accompagnato e annaffiato da un bel vinello bianco del Salento: il Preludio N°1, uno chardonnay, dell’azienda Rivera servito fresco.
Mi sono letteralmente deliziato e per chi volesse ripercorrere la mia esperienza, potrà farlo anche non andando in Salento. Ecco le ricette.

Polipo alla pignata

image

Polipo alla pignata

Ingredienti

Dosi per 4 persone:

Polipo da 1 Kg

1/2 chilo di pomodorini

Sale q.b.

Aglio 1 spicchio

Peperoncino 1

Pane casereccio 6 fette

Olio extravergine di oliva q.b.

 

Esecuzione

  1.  Pulire il polipo togliendo l’occhio centrale posto tra i tentacoli e la testa e la spina centrale posta in quest’ultima. Lavare accuratamente il mollusco soprattutto sulle ventose perché è lì che si depositano i detriti sabbiosi. Per ammorbidire le carni, il polipo va battuto con un martelletto da cucina oppure messo in freezer per una notte.
  2.  Riempire una pentola con abbondante acqua corrente, salare e portare ad ebollizione a fiamma vivace. Quando l’acqua avrà raggiunto la giusta temperatura, tuffare il polipo pulito e  lasciarlo non più di 15 minuti perché la cottura deve avvenire direttamente con gli altri ingredienti.
  3. Intanto in una pentola mettete  l’olio e lo spicchio d’aglio assieme al peperoncino e lasciar rosolare per circa 5 minuti a fiamma lenta, unire i pomodorini  e il polipo aggiungendo due mestoli di acqua di cottura del polipo.  Chiudere tutto con un coperchio e lasciar cuocere a fiamma dolce per circa 40 minuti.
  4. A cottura ultimata servire il polipo in un piatto alto di portata con il sugo e assieme a delle  fette di pane abbrustolito, su cui avrete strofinato precedentemente l’aglio e un filo di olio.

È possibile anche aggiungere dei capperi e delle olive nere, una versione che io preferisco perché dà un sapore mediterraneo verace.

Linguine con scampi

image

Linguine con scampi

 

Ingredienti

Dosi per 4 persone

Linguine 400 gr

Scampi 700 gr

Aglio 1 spicchio

10 gr.di alici sott’olio

Pomodorini freschi 500 gr

Vino bianco secco 1 bicchiere

Sale q.b.

Peperoncino 1

Olio extravergine di oliva q.b.

 

Procedimento

  1. In una padella larga mettere olio ed aglio assieme al peperoncino e farlo rosolare a fuoco lento,  aggiungere gli scampi interi  a fiamma vivace ma non troppo aggiungendo le alici sott’olio.
  2.  Dopo 5/7 minuti versate del vino bianco e fatelo evaporare a fiamma vivace. Aggiungere i pomodori e un pizzico di sale e lasciare cuocere a fuoco moderato per 10 minuti.
  3. In una pentola aggiungere l’acqua e portare ad ebollizione, quando l’acqua avrà raggiunto la giusta temperatura, tuffare le linguine, controllando il tempo di cottura.
  4. Scolare e unire al sugo con gli scampi e aggiungere prima di servire del prezzemolo tritato grossolanamente.
  5. Servire le linguine fumanti!

 

Buon appetito

Andrea Galdieri

Prossimo appuntamento Ischia con paccheri alla pescatrice e un buon biancolella.

 

Lascia commento

*

Trenderly Newsletter

Portale di Moda, Cucina, Design e Stile di Vita