Loading…
Culinaria / 0 Comments / 244 View

OSTRICHE AL GRATIN: una ricetta afrodisiaca

Lug 06 / 2016 1:41AM

Se si ha in mente di sedurre attraverso il cibo, le ostriche al gratin sono la pietanza ideale. È un antipasto chic, raffinato e seducente che farà sicuramente il suo effetto.

Le ostriche hanno un sapore unico ed inconfondibile e sono versatili in cucina perché possono essere mangiate sia crude che cotte come la versione al gratin. Sono un mollusco reperibile in tutto il mondo ma ne esistono di varie tipologie.

In Europa, la maggior parte delle ostriche che si trovano in commercio o nei ristoranti sono le Rock Oyster, che sono più conosciute con il nome di “Pacific Oyster”.

In Giappone è più semplice trovare la “Crassostrea gigas”  ma la più apprezzata nel mondo è la Ostrea edulis. Ciascuna di queste tipologie ha un sapore unico perché questo è variabile in base alle correnti, al flusso del fiume e all’ambiente circostante in cui si trovano.

Ostriche crude

Ostriche al naturale

Le ostriche nella maggior parte dei casi vengono mangiate crude, la temperatura ideale deve essere tra i 4 e gli 8 gradi. Per poterne assaporare a pieno il sapore è preferibile sorseggiare il liquido per iniziare a preparare il palato e successivamente masticare il mollusco delicatamente, invece di ingoiarlo per intero.

Se si desidera consumarle cotte, è preferibile evitare un eccessivo condimento per non coprirne troppo il sapore e farle cuocere in poco tempo per non farle seccare e indurire.

La ricetta delle ostriche al gratin sono un concentrato di piacere per il palato, inoltre questo mollusco viene considerato un cibo afrodisiaco. Se si ha in mente una cena romantica e seducente, le ostriche al gratin saranno il giusto antipasto da realizzare mentre come primo piatto a base di pesce un raffinato risotto con aragosta.

Ostriche al gratin: ingredienti

Dosi per 4 persone

Ostriche 12

Erba cipollina 1 mazzetto

Pangrattato 100 gr

Uova 2 tuorli

Olio extravergine d’oliva q.b.

Sale q.b.

Pepe q.b.

Prosecco brut mezzo bicchiere

Esecuzione

  1. Lavare accuratamente le ostriche sotto abbondante acqua corrente, strofinarle delicatamente con una retina da cucina per eliminare eventuali residui sabbiosi e infine aprire con un coltello.
  2. Staccare i molluschi dai gusci, tenere da parte quelli concavi che li contengono. Mettere le ostriche in una ciotola di vetro insieme al liquido interno dopo averlo filtrato.
  3. In una pentola aggiungere le ostriche con il proprio liquido e portare ad ebollizione insieme al prosecco e lasciare sfumare.
  4. Togliere dal fuoco e lasciare intiepidire.
  5. Montare con una forchetta i tuorli d’uovo, quando avrà raggiunto una consistenza cremosa, salare, pepare e aggiungere l’erba cipollina tagliata finemente.
  6. Scolare le ostriche, asciugarle con della carta da cucina e passarle prima nella crema di tuorli e poi nel pangrattato. Riporle nei gusci, messi precedentemente da parte e infornare per circa 6 minuti a 180 gradi.
  7. Trascorso il tempo necessario, portare in tavola le ostriche al gratin ancora calde!

Le ostriche al gratin si accompagnano bene a vini bianchi spumantizzati come il Franciacorta Brut.

 

Lascia commento

*

Trenderly Newsletter

Portale di Moda, Cucina, Design e Stile di Vita